[post breve] Benaltristi

Avete notato che appena vi dichiarate preoccupati per le sorti dei piccoli palestinesi qualcuno si affretta a farvi notare che dei problemi della Siria non se ne parla? Che se vi preoccupate di come è andata la questione dell’orsa in Trentino qualcuno si affretta a dirvi che sarebbe meglio si parlasse di più delle suore morte in Burundi? Che c’è gente che disquisisce sulle foibe in contrapposizione all’Olocausto? Quasi sempre son quelli che, per default, se ti preoccupi dei palestinesi sei anti israeliano e per giunta anche un bel comunista, quasi sempre son quelli che, se le cose rimangono come sono, continuano a ingrassare. belatrismo Ecco, oggi ho scoperto che si tratta di pratica da benaltristi, ora potrei affidarmi al benaltrismo anch’io dicendo che il problema dei paraculi è più angosciante, ma mi pare di aver capito che paraculo è sinonimo di benaltrista. E’ un po’ come colui che chiede l’aumento di stipendio, non perché se lo meriti, ma perché l’ha ottenuto un suo collega. Ognuno ha una sua storia, gli affetti e un percorso che lo porta a sentirsi parte di qualcosa, quasi sempre non condiviso da tutti gli altri. E’ per questo che ognuno ha una misura della vita diversa, che tutti devono rispettare, non sminuire spostando altrove l’attenzione. E’ probabile che mi sbagli ma l’ho capita così.

Tags: