Siete stati nominati per ‪#‎IceBucketChallange‬

Facciamo le persone serie. Il regolamento parla chiaro: o fai la donazione o ti prendi la secchiata. Essendo le mia formazione professionale volta all’ottenimento del massimo risultato con il minimo sforzo, e avendo prontamente versato, decido di non prendere la secchiata. Tale esercizio potrebbe comportarmi una seria costipazione che andrebbe a pesare sul sistema sanitario nazionale rendendo, per estensione, parzialmente vana la mia donazione. Inoltre renderebbe meno rari e quindi vani i vostri, sin qua, stupendi e goliardici esercizi idrici.

La ricerca è cosa seria e seria e scrupolosa deve essere la partecipazione a questo challenge! Quindi, ribadisco, niente secchiata.

Anche quando volessi partecipare al periglioso giuoco mi vedrei costretto poi a sostenere diverse discussioni con chi:

– rompe le palle perché è diventato un gioco;

– rompe le palle perché si consuma l’acqua;

– rompe le palle perché gli rode che l’avrebbe voluto inventare lui;

– rompe le palle perché si dona troppo poco o troppo tanto;

– rompe perché ‘sta cosa funziona;

– rompe perché rompe.

Non c’è bisogno di spiegare che in questo caso, come in tutti i casi di donazioni per la ricerca contro le malattie, l’importante è che funzioni.

Insomma detto ciò e dopo aver inventato tutta questa pappardella per eludere il raffreddore, ecco la formula di rito alla quale aggiungo importanti e altresì goliardiche motivazioni:

ringrazio Leonardo Prati per avermi nominato, accetto la sfida e nomino a mia volta tutti i Maremmans nella figura della nostra rappresentante ufficiale Giovanna Casetti, il direttore d’albergo più smart che conosco Giancarlo Carniani e siccome l’Elba è sempre nel mio cuore e ricorre altresì il bicentenario napoleonico non posso non chiamare in causa il mio amico elbano Massimo Zottola.

Avete 24 ore di tempo per scegliere se versare i soldi, versarvi addosso una secchiata d’acqua diaccia, e ve lo consiglio bervi, come farò io stasera, un bel gin tonic ghiacciato (col Tanqueray). Dimenticavo, ecco il link per la donazione http://www.aisla.it/news.php?id=3197&tipo=57

Immagine MaxPixel (1)

 

No Comments

Post a Comment