Lampedusa: nessun connazionale a bordo

lampedusa-2

E’ un po come quando cade un aereo e la voce narrante del TG ci rassicura subito dicendo: nessun connazionale a bordo. Che poi i morti sono tutti uguali, ma diciamocelo è un po’ come se gli “altri” appartenessero a un’altra dimensione.: sono africani, siriani… Ecco che per  non cadere nella solita indifferenza e comprendere meglio l’odierna, ennesima, strage nel Mediterraneo c’è da ordinare una dimensione unica:

12 dicembre 1969, Piazza Fontana 17 morti

28 maggio 1974, Piazza della Loggia 8 morti

4 agosto 1974, Italicus 12 morti

27 giugno 1980, Itavia 81 morti

2 agosto 1980, Bologna 85 morti

23 dicembre 1984, Rapido 904 17 morti

Oggi, Lampedusa 103 230 302 morti, nessun connazionale a bordo

ma il sindaco di Lampedusa mette subito in chiaro il fatto che, questi morti, sono i nostri morti

Quasi sempre sono neri, così neri che nella notte, al buio, non li vedi. Non li vedi perché nessuno li cercherà, nessuno li troverà, nessuno li piangerà. Non li vedi perché questo sistema mette al mondo figli senza genitori, figli senza documenti e senza terra, figli senza un domani che per vivere abbandonano il loro giovane ieri. Ieri, nel “mare di mezzo” i migranti alla deriva urlavano ai soccorritori “salvate prima i bambini” e una soccorritrice sgomenta raccontava “ci guardavamo intorno ma i bambini non c’erano più”.

No Comments

Post a Comment