Le cose bisogna farle succedere, come i Maremmans con Iabichino

Detta così, come in quel tweet di una maremmans sembra facile. Eppure tutte le volte che io e Paolo ci incrociamo qualcosa succede: la prima volta lo placcai sotto un palco dopo un suo intervento, poi festeggiammo un suo compleanno con un’escursione a meno 54 metri sotto il livello del mare scoprendo una stazione ferroviaria in fondo a una miniera, e non è da dimenticare quella volta che nell’aiutare mio figlio nella scelta tra architettura o design finì che Edoardo, dopo esseri consigliato con Paolo, scelse viticultura e enologia. Ma siccome le cose bisogna farle succedere ho cercato di unire l’amicizia con Paolo e la passione che mi accomuna con i Maremmans, e se ci credi le cose belle succedono.

paolo_iabichino

Paolo nella baia di Talamone durante Maremmans tribù ospitale

In mezzo a questi eventi particolari Paolo ha scritto due libri: di Invertising trovate una recensione su Officina Turistica. Di Paolo, dei Maremmans e di Existential Marketing preferisco parlarne qua che è un luogo più umano e meno scientifico, anche più intimo. Ché di cose umane si è parlato a Scansano con Paolo e quasi un centinaio di maremmani ospiti della Cantina dei Vignaioli del Morellino.

Per la verità, a Scansano, nel presentare Paolo, ho iniziato cercando di parlare di marketing e di una bella operazione messa in piedi dai Vignaioli, ma il loro direttore, Sergio Bucci – che ha fatto gli onori di casa come i migliori ospiti sanno fare – ha subito esordito dicendo “non so se è marketing, abbiamo solo aumentato il valore che paghiamo per le uve di qualità per rendere più dignitoso il lavoro dei nostri associati vignaioli

Paolo Iabichino è partito proprio da questo concetto espresso da Sergio per spiegare – presentando il suo ultimo lavoro pubblicato per Hoepli insieme a Stefano Gnasso – le nuove dinamiche della pubblicità, i nuovi tone of voice, le nuove narrazioni. A questo punto dovrei raccontarvi del libro ma sono di parte, sono amico di Paolo e il suo stile mi piace. Vi lascio due frasi che ho sottolineato in maniera molto decisa. La prima è al termine del racconto di una campagna pubblicitaria: “Ed è bello farne parte, checché se ne dica, è bello provare a essere parte del cambiamento, usando idee per contribuire a migliorare un po’ il mondo che abitiamo

La seconda mi ha profondamente colpito per la chiarezza, la forza e l’importanza: “Eppure mai come in questo periodo serve affidarsi davvero a persone di talento: società e istituzioni devono lasciarsi alle spalle un medioevo di leadership che ha seppellito la qualità e i meriti degli individui per privilegiare furberie, parentele e clientelismi“.

In quasi cinquant’anni, dopo diversi periodi di amarezza e dopo aver ricevuto dolorose delusioni più che dalle persone dalla loro incoerenza, tra persone che predicano bene e razzolano male, tra virtuosi della teoria e pratici del sotterfugio, mi sento di dire che, nonostante questi figuri, se lo vogliamo le cose belle accadono, in particolare se non pensiamo esclusivamente ai soldi.

i_maremmans_con_iabichino

Paolo Iabichino con i Maremmans

Come ho spiegato a Paolo, con i Maremmans non abbiamo semplicemente letto il Cluetrain Manifesto e Invertising, tutti i giorni i 170 associati cercano di metterli in pratica. E’ per tutto questo che ci sentiamo parte dell’Existential marketing e ne comprendiamo e ne seguiamo il filo logico che è partito proprio da Invertising.

Da un po’ di tempo, forse in maniera presuntuosa, cerco di connettere le persone per bene, di farle parlare tra loro e, anche se sono logorroico, di ascoltarle. Come le riconosco? Confido nella loro coerenza e Paolo in ogni suo gesto è coerente con quello che scrive, se vi basta leggettevi il libro se invece nutrite dei dubbi fate un salto in Maremma e chiedete della Tribù ospitale.

Tra un tortello e l’altro ci siamo chiesti se ce la potremo fare. Avevo un po’ di dubbi ma guardando la forza con la quale i Maremmans e Paolo si sono contagiati lascio volentieri spazio alla speranza, ché le cose belle, se lo vogliamo accadono.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.