C’è una destinazione da interpretare

Che la Toscana sia terra ricca di possibilità per il turismo non v’è dubbio. Che ci siano dei posti dove trovare dimensioni perdute, non è così scontato. Ci sono luoghi dove non c’è da essere turisti ma da essere locali. Ci sono luoghi dove arrivi e la popolazione, la poca coraggiosamente rimasta, pare fosse lì da anni ad aspettare proprio te.

E’ così che ti lasci perdere tra boschi e medioevo dove si incontrano la provincia di Siena con quella di Grosseto dove la Maremma inizia a perdersi ché non si sa bene dove finisce. Ti ritrovi tra Pari e Monticiano dove il verde comanda tra ricordi di storie passate, dove la dimensione umana ancora lascia il segno timido dove la natura padrona lo consente. E’ una terra selvaggia, non violata e che ti riconcilia con il resto del mondo, con te stesso e con gli amici.

Castello di Tocchi

Il Castello di Tocchi nel comune di Monticiano (SI)

Non è difficile incontrare in queste terre fusioni di persone che provengono da luoghi e esperienze diverse, persone che in fuga da città che logorano, da lavori che con la natura non consentono rapporti, si rifugiano qua per trovare una dimensione nuova dove far maturare nuove generazioni. E la tavola è un luogo dove queste storie te le raccontano, con gioia. Il cinghiale in umido tipico di queste parti lascia spazio al Peposo e poi al Nero dei Nebrodi portato da queste parti da chi origina in Sicilia.

cinghiale pari

Da queste parti le “attrazioni” sono gli stili di vita e i modi di essere che possiamo interpretare, dire che questi sono luoghi ideali per turisti sarebbe riduttivo, sono luoghi per chi vuole entrare in una nuova dimensione, nuova ma che si radica nell’antica concezione di terra e di natura utili e amiche dell’uomo e che l’uomo da sempre rispetta e ama. Agriturismi e affittacamere sono gestioni familiari che si aprono agli avventori con una semplicità disarmante. Passa gente e chiede a te, forestiero, dove sia il tuo ospite guardandoti negli occhi con fiducia. Poi ci sono dei gioielli, come Villa Ferraia, che trovano spazio naturale e impressionano al vederli, ché non te li aspetti, ti si aprono di fronte e ti rendi conto di quanto il contatto con la natura, le storie e lo stare insieme possono migliorare tutti noi. Ecco perché c’è una destinazione da interpretare… e forse è già dentro di noi.

Villa Ferraia

Villa Ferraia

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.