Montefalco nel mio cuore e non per caso

Montefalco nel cuore ce l’ho davvero. Non mi ricordo come fu ma ci capitai, per caso. In mezzo a quel piazzalone, questo me lo ricordo, batteva un sole di quelli che scaldano dopo un inverno freddo. Poi, ci sono delle cose che fanno parte della tua storia, ché non potrei raccontare un’amore, una cena, un bel momento senza almeno un sorso di Sagrantino, di quello buono. Di quello che quando ci vediamo Alessio mi porta sempre, quello che scoprii quando ancora lui andava alle elementari, se non all’asilo.

Immagine Istagrammers Italia

Immagine Istagrammers Italia

E allora non potevo non farmi affascinare dalla storia di Benozzo Gozzoli, pittore che raffigurava San Francesco – santo al quale sono laicamente devoto –  e le viti del Sagrantino – piante alle quali sono enologicamente appassionato – e poi quel legame tra Toscana e Umbria con Benozzo ambìto dai Medici, e quell’Umbria dove se n’è andata una delle fette più grandi del mio cuore e della mia anima.

Ecco perché ci sono delle cose che nella vita capitano per caso ma che casuali non sono, come l’operazione #Caprai4love dove si trovano concentrate tutte le mie storie, gli amori e le perdite, ché anche quelle sono vita, nell’Umbria che adoro. C’è anche un bel po’ di social-e nella nuova storia che, di Montefalco, Alessio m’ha raccontato.

“Non possiamo solo prendere dal territorio, ma anche re distribuire all’interno di esso, iniziando così a comprendere l’importanza che esso ricopre per ognuno di noi, del resto un famoso aforisma recita: Non ereditiamo il mondo dai nostri padri ma lo prendiamo in prestito dai nostri figli” 

E allora perché non cedere al fascino di recuperare, per Montefalco, la pergamena su cui Benozzo Gozzoli scrisse di suo pugno la sua missiva al Signore Brancacci Fiorentino di Firenze rinunciando temporaneamente all’onore di un incarico di una prestigiosa famiglia fiorentina, per completare un’opera a Montefalco. Atto d’amore e atto da riportare a Montefalco.

C’è da vincere un’asta che avverrà prossimamente…

Per raggiungere questo obiettivo di “cuore” Cruciani, oramai noto in tutto il mondo per i suoi braccialetti, ne ha creato uno special edition che sarà in vendita dal 7 aprile. Il ricavato andrà all’Accademia della Cultura di Montefalco. Nel progetto c’è il cuore di Cruciani, il Sagrantino, Caprai e Montefalco.

C’è entrato per caso, ma nel mio cuore Montefalco non c’è per caso.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=aOJlz994_HQ]

Ci vediamo presto… a Montefalco. Intanto seguite #caprai4love su Twitter!

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.