Ecco perché voglio la nazionalizzazione di Enel e Telecom Italia, o almeno qualche regola in più!

Buongiorno, sono Dario dell'”Ufficio gestione conti telefonici di Telecom” so che la sua bolletta è aumentata, l’offerta di cui ha beneficiato è da poco scaduta e non le è stata rinnovata…
Da quale ufficio di Telecom mi chiama?
“Ufficio gestione conti telefonici”
Ma è sicuro che sia Telecom?
Io non ho detto Telecom!
E allora come fa a sapere che la mia bolletta è aumentata? Chi le ha dato queste informazioni?
Noi a differenza degli altri gestori le possiamo proporre un cambiamento di tariffa senza noie anche con diverso fornitore.
Come come, ripeta per favore…
Noi a differenza degli altri gestori le possiamo proporre un cambiamento di tariffa senza noie anche con diverso fornitore.
Dunque voi avete accesso a informazioni Telecom e non siete Telecom? E’ sicuro di quel che mi dice?
Certo.
Guardi Dario, l’unica cosa certa è che lei ha sbagliato persona!

Caro dipendente di call center che dici di chiamare dall'”Ufficio gestione conti telefonici” capisco che ci sia la crisi, che tu sia un giovane meridionale con un accento che mi sta molto simpatico, che ti abbiano istruito dei manager maldestri, che se non fai almeno tre contratti ogni nanosecondo non arriverai a prendere 8 euro netti al mese… ma se questa tua telefonata, insieme a quella maldestra di Enel Energia, sono il frutto della liberalizzazione delle tariffe, se la deregulation si sostanzia in questo marketing da delinquenti, in questo fare da ladruncoli, in questi raggiri vergognosi forse è bene tornare indietro. Anche perché ci sarebbe da dimostrare che, in particolare Telecom, da quando è stata privatizzata sia migliorata, non solo per gli utenti ma anche per gli azionisti.

Nazionalizzare Enel e Telecom salverebbe l’anima a un sacco di giovani dei call center e salverebbe tutti dai raggiri. Ma un’altra idea ci sarebbe, forse meno invasiva e meno invisa ai capitalisti, istituire una legge che vieti l’esternalizzazione dei servizi che riguardano la sfera dell’assistenza post vendita, della customer care e della promo commercializzazione.

17 Comments
  • giuseppe

    31 maggio 2013 at 15:53 Rispondi

    salve,io lavoro in un call center e manco a farlo apposta sono meridionale,come il ragazzo con cui lei ha avuto a che fare,le voglio soltanto dire che l’italia vive in un periodo bruttissimo grazie alla crisi,e grazie ei vari call center che ci sono in giro,io riesco a guadagnarmi lo stretto indispensabile per campare(come si dice dalle mie parti),lei sicuramente avrà avuto a che fare con un ragazzo che voleva farle un contratto perchè forse facendo più contratti e essendo pagato a proviggione come me,guadagna di più.lei ha detto che vuole fare nazionalizzare telecom,lo sa almeno che vuol dire?che tutti noi dovremo avere telecom e pagare tasse esagerate che si aggirano intorno alle 100 euro bimestrali?con questa crisi?e se lei vuole fare nazionalizzare telecom molti ragazzi che,come me,cercano di portarsi qualcosina di soldi a casa si troverebbero senza un lavoro,e senza un minimo di stipendio,è questo quell che vuole?lei forse avrà un buon lavoro,una bella vita e tant altro,ma si deve rendere conto di quello che scrive perchè potrebbe offendere delle persone,che come me,svolgono il proprio lavoro in una maniera chiara e trasparente.

    • Biro

      1 giugno 2013 at 5:29 Rispondi

      Gentile Giuseppe, se lei è una persona che agisce in maniera chiara e trasparente non avrà certo da offendersi per quanto ho scritto, se avrà voglia di leggere altri articoli del blog capirà che qualche volta, in particolare nei titoli, uso un tono provocatorio e canzonatorio.
      Inoltre la prego di notare che l’eventuale provocazione della nazionalizzazione che “auspico” nel post non sottintende anche l’instaurazione di un regime di monopolio e quindi i 100 euro bimestrali son salvi. Il non poter scegliere la compagnia infatti, sarebbe più odioso delle tecniche di vendita delle quali spesso si sente parlare on line e in televisione.
      Le auguro le migliori soddisfazioni rassicurandola che dopo trent’anni di vendite telefoniche (senza call center per fortuna) anche la mia vita nasconde spesso delle difficoltà, ma non per questo tendo a giustificare chi agisce in malafede. Grazie infinite per il suo commento.

  • giuseppe

    3 giugno 2013 at 14:42 Rispondi

    si figuri 🙂

  • Paolo

    27 giugno 2013 at 16:15 Rispondi

    Toh!
    Proprio ieri, 26 giugno 2013, mi ha chiamato un sedicente Ufficio Conti Telefonici di Telecom per dirmi che la mia promozione Alice ADSL è in scadenza. Solo che io non ho promozioni in scadenza e questo la Telecom lo sa!
    Chiusa la conversazione con toni diciamo adrenalinici, passano 10 minuti e mi chiama un Centro Anagrafiche (o qualche cosa di simile) della Vodafone Milano che mi ripete la sceneggiata!
    Chiedo ridendo: “Come … un’altra volta? Ma sono per caso su scherzi a parte? ”
    Spiego il perché delle mie domande e l’operatore/rice mi risponde che devo apprezzare il fatto che lui/lei si è presentato/a senza ambiguità, cioè come Vodafone e non come un generico Ufficio Conti Telefonici: “Sa com’è, in giro, purtroppo, c’è tanta gente scorretta”.
    Magari era la stessa persona.

    Comprendo benissimo questi poveri ragazzi dei Call Center. Ma non giustifico chi li manda allo sbaraglio.

    • Biro

      27 giugno 2013 at 18:58 Rispondi

      Caro Paolo, grazie per il tuo commento. Nei giorni scorsi ho effettuato l’adesione al “Registro delle opposizioni“, è necessario del tempo perché il blocco vada a regime, nella peggiore delle ipotesi credo siano 15 giorni. Non so se è la soluzione al problema, ma sicuramente potrebbe essere un deterrente. Il link è questo http://www.registrodelleopposizioni.it/

      • Paolo

        28 giugno 2013 at 10:01 Rispondi

        Biro buon giorno,
        ho dato una occhiata al registro delle opposizioni e penso che me lo studierò per bene sperando che possa funzionare.
        Grazie.

  • […] una serie di accadimenti come quello dell’Ufficio gestione conti telefonici di Telecom oppure di Enel, di Enel Energia e del contratto non contratto ritengo che i manager che […]

  • Corrado

    27 giugno 2014 at 14:35 Rispondi

    Purtroppo anche l’iscrizione al Registro delle Opposizioni non mette in salvo da questi truffatori. Anche perchè, se per ” alzare” quattro centesimi in più il giovane operatore di call center meridionale e dal bell’accento mi deve dire falsità (promozioni scadute, aumenti alle porte, ecc ecc) allora sarebbe meglio andasse a zappare la terra ONESTAMENTE !!!

    • Biro

      27 giugno 2014 at 14:51 Rispondi

      Corrado, hai ragione dopo un po’ l’efficacia del Registro mi pare perda colpi, ieri un sedicente rappresentante di TELETU ha iniziato la telefonata con un perentorio: non avete pagato la bolletta e quindi vi stiamo staccando il telefono. Ma non siamo abbonati TELETU.

  • claudia mastro

    31 ottobre 2014 at 17:38 Rispondi

    caro ragazzo meridionale che ti offendi io non so quanto cambino 400 euro nella vita di una persona che deve praticamente asservirsi a truffe, perchè chiamare per dire “ufficio gestione conto telefonico” (come hanno chiamato me oggi) è una truffa, punto e basta. Basta girarci intorno.Uno non dovrebbe prostarcisi, dovrebbe fare qualsiasi altra cosa, fare del volontario, andare a pulire le case piuttosto che fare ste cose! perchè sono truffe,lo volete capire o no???

  • silviastrips76

    2 novembre 2014 at 13:33 Rispondi

    In albergo ricevo telefonate di questo tipo più volte al giorno. Non perdo più tempo a parlare, protestare e ascoltare… Chiedo direttamente tutti i dettagli dell’offerta per e-mail e staccano loro. Però che nervoso.

  • mauro

    18 maggio 2015 at 15:21 Rispondi

    Oggi 18 maggio 2015, ho ricevuto anch’io la telefonata dal sedicente ufficio gestione conto telefonico, era al corrente della mia scadenza contratto telecom, mi hanno proposto un blocco fattura per non andare incontro a aumenti di bollette
    Ho chiesto loro maggiori spiegazioni su chi sono e hanno riattaccato.
    Telecom non si spiega, paradossalmente, come facciano a sapere della scadenza e non indicano metodi per approfondire la loro fuga di dati privati.
    L’interlocutrice non sembrava avere accenti meridionali

  • […] center senza scrupoli che con metodi truffaldini procacciano contratti peggiorativi ammaestrando venditori sull’orlo di una crisi tra miseria, fame e – ironia della sorte – con bollette in […]

  • Claudia

    9 febbraio 2017 at 10:54 Rispondi

    Anch’io oggi sono stata contattata dall’ufficio conto telefonico e dopo varie mie domande per capire chi fosse e perché dovesse offrirmi questo servizio, l’operatrice se ne è uscita con questa frase: la telecom ci vende le liste dei suoi clienti…
    Sono allibita…

    • Irresponsabile

      9 febbraio 2017 at 18:04 Rispondi

      Cara Claudia, come vede ormai la storia dell'”ufficio conto telefonico” è longeva, ha già quattro anni ma non li dimostra. 🙂

    • Maria Esposito

      5 giugno 2019 at 19:22 Rispondi

      a me spiace di leggere questo.
      Ho lavorato anche io in un call center ma da me se scoprono che qualcuno si spaccia per Telecom sono cavoli amari. Esigono trasparenza da parte di noi operatori nelle chiamate.
      Purtroppo l’operatrice non vi ha detto una cosa tanto sbagliata dal momento che è realmente così: la telecom e altri operatori che passano i contatti per far vendere le proprie promozioni e pagano gli stessi Call Center per fare ciò. Senza contare che in fase contrattuale siamo noi a richiedere di essere contatti per essere informati sulle nuove promozioni tramite quelle clausole in piccolo che nessuno va mai a leggere.

      • Irresponsabile

        10 giugno 2019 at 6:38 Rispondi

        Grazie per il tuo commento, purtroppo per quanto riguarda la mia esperienza non posso assolutamente parlare di trasparenza. Anzi, quasi sempre l’operatore tenta di estorcerti perfino i dati della bolletta per finalizzare unilateralmente il nuovo contratto. Sono metodi veramente vergognosi che ultimamente si verificano con più frequenza. Sarà la crisi…

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.